Il Mercato delle Obbligazioni


Photo by sxc.hu user ngoul

Ogni strumento finanziario ha il suo mercato. Come per ogni merce scambiata fisicamente, anche nella finanza ci vuole un mercato per ogni prodotto, dove domanda ed offerta possano cambiare ad un prezzo che vada bene per entrambe le controparti.

Così, mentre per le azioni abbiamo il mercato MTA, e per le valute il mercato Forex (due dei tanti mercati), per le obbligazioni abbiamo il MOT, mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di stato.

Cos’è il MOT ?

Si tratta del mercato italiano delle obbligazioni, e quindi è organizzato e gestito da Borsa Italiana.
Il MOT è un mercato in cui si possono scambiare lotti minimi di Titoli di Stato ed i vari tipi di obbligazioni, domestiche ed estere.

In realtà in Italia c’è un altro mercato delle obbligazioni, l’MTS, ma questo è riservato a grossi operatori che comprano all’ingrosso, con lotti minimi di 2,5 milioni di euro.

Questi due mercati son diventati sempre più importanti grazie all’aumento delle emissioni, soprattutto di obbligazioni governative, ed al crescente interesse a livello internazionale.

Il mercato delle obbligazioni è tra i più grandi, il doppio se paragonato a quello azionario.

L’obbligazionario è organizzato in due segmenti, il DomesticMOT e l’EuroMOT. Entrambi hanno le stesse modalità di negoziazione, e la differenza sta nel fatto che nel primo segmento vengono trattate obbligazioni e altri strumenti liquidati in Italia, nel secondo strumenti liquidati all’estero.

Il DomesticMOT è suddiviso in due categorie di strumenti finanziari con caratteristiche omogenee:
– Titoli di Stato Nazionali (BOT, BTP, CCT, CTZ)
– Titoli di debito in euro o in una valuta estera

Nel segmento EuroMOT vengono scambiati ABS (Asset-backed Securities), euro-obbligazioni, titoli di emittenti esteri e altri titoli di debito.

Le fasi delle negoziazioni

Il mercato MOT delle obbligazioni è molto simile all’azionario; per esempio, sono molto simili le modalità di negoziazione, le quali si dividono in tre fasi:

Asta di apertura. In questa fase vengono analizzate le proposte di acquisto e di vendita degli operatori per la determinazione del prezzo d’asta, ovvero un prezzo unico di apertura.

Negoziazione continua. E’ la fase in cui vengono abbinate le migliori proposte di acquisto e di vendita.

Fasi di apertura e chiusura. Sono le fasi un cui vengono analizzate le proposte di acquisto e di vendita per la determinazione dei prezzi di asta.

Gli orari di ogni singola fase variano in base ai segmenti in cui è organizzato il MOT.